mercoledì 13 agosto 2014

"So che ci sei", la storia d'amore romantica e divertente di Elisa Gioia

State facendo la valigia e vi sembra che state dimenticando qualcosa? Controllate bene che ci sia il vostro tablet/kindle con voi, altrimenti sarete costrette a perdervi il romanzo dell'estate. Non date retta a pubblicità e consigli delle case editrici, ma premiate la fantasia e il talento di una scrittrice e blogger che sa il fatto suo Elisa Gioia

In poco tempo con il suo romanzo "So che ci sei" da conquistando i lettori della rete, grazie alla storia romantica e divertente di Gioia Caputi e delle sue amiche. Siete curiose? Leggete la nostra intervista ad Elisa ... siamo sicure che correte subito a scaricarlo!


Elisa, quando hai deciso di voler mettere nero su bianco le tue emozioni?
L'anno scorso ho fatto la pazzia di licenziarmi, di lasciare un lavoro sicuro a tempo indeterminato e di mandare al diavolo la mia vita fatta di casa-lavoro-casa. Oggi sono ancora più convinta che sia stata la decisione più bella della mia vita: ho ripreso in mano la mia vita, mi sono regalata del tempo per me per ascoltare quello di cui davvero avevo bisogno. Ho avuto tempo per leggere e scrivere, così un pomeriggio mi sono messa a buttare giù una storia. Scrivere un libro è sempre stato nella lista dei miei desideri.
Vuoi raccontare alle nostre lettrici di cosa parla "So che ci sei"?
So che ci sei” lo definirei un romanzo d'amore a colpi di ironia. Non è solo una storia d'amore, ma, anzi, racconta la vita della protagonista, Gioia Caputi, delle sue amiche, "Le Tre Grazie!, della sua famiglia e, soprattutto, delle sue insicurezze. Il libro inizia con il post rottura di Gioia con il suo primo grande amore, Matteo. Da qui inizia il suo percorso: rimettersi in piedi, riprendere in mano la sua vita e, perché no, ritornare a credere nell'amore.
C'è un personaggio in particolare a cui ti senti più legata?
Chi mi conosce e ha letto il libro dice che mi rivede in Gioia, in realtà mi ritrovo un po' in tutti i personaggi femminili del libro. Dal punto di vista della scrittura mi sono divertita a scrivere di Bea, l'amica schietta di Gioia.
Quali scrittori ti hanno ispirata per questo romanzo d'esordio?
Posso dire tutti? Credo che leggere tanto e di tutto sia importante per chi vuole scrivere. Sicuramente nel cuore ho la scrittrice inglese Lindsey Kelk, poi Jane Austen, Cecilia Ahern, Jojo Moyes. Insomma adoro le storie d'amore.
Ti aspettavi così tante dimostrazioni di affetto e stima da parte dei lettori?
Il libro è uscito da pochissimo ed in una settimana è entrato subito in classifica, devo dire che sono ancora sorpresa e felicissima. Faccio ancora gli scongiuri, so che il libro non può piacere a tutti e sono pronta con tanto di armatura a possibili attacchi, fa parte del gioco. Ringrazio tutti quelli che mi stanno scrivendo messaggi d'affetto sul libro, sulla coppia Gioia e Christian e che mi chiedono “disperatamente” il seguito.
Un'ultima domanda: cosa significa per Elisa scrivere?

Ho due grandi passioni che mi permettono di rilassarmi e di estraniarmi dal mondo: scrivere e fotografare. Scrivo note sul cellulare, post su Facebook, tweet, didascalie su Instagram. Insomma scrivo tanto quanto parlo: tanto, troppo. Scrivere storie poi mi permette di sognare e di far sognare, di estraniarsi da tutti i problemi quotidiani e di trovare un po' di magia e allegria sfogliando le pagine di un libro.

9 commenti:

  1. Sembra interessante! Adoro leggere e le storie d'amore <3

    RispondiElimina
  2. Mi piacerebbe leggere questo romanzo

    RispondiElimina
  3. È un bel romanzo, avvicente che non scivola mai nella volgarità , dal quale ci si aspetta un lieto fine , arriverà in un secondo libro ?

    RispondiElimina
  4. Spero arrivi un seguito..nn può finire cosi...

    RispondiElimina
  5. L'ho finito questa notte. Veramente molto bello.....pero' non puo' finire cosi'. Anche io aspetto il seguito.

    RispondiElimina
  6. ti prego scrivi il seguito, non può finire così!!!

    RispondiElimina
  7. Ho appena finito di leggerlo, dove è il seguito????? Spero ci sia perché mi sono davvero appassionata alla loro storia!

    RispondiElimina
  8. Sono rimasta delusa da finale. È vero non abbiamo bisogno di un principe che ci salvi nella realtà ma nel sogno vogliamo tutte essere un po' cenerentola. Attendiamo seguito

    RispondiElimina
  9. ti prego scrivi il secondo

    RispondiElimina